Genova - Teatro della Corte
22 Dicembre 2001

ACOUSTIC NIGHT 2
Chitarre dal mondo

Beppe Gambetta
Steve Kaufman
Franco Morone

Il secondo appuntamento di ACOUSTIC NIGHT - Chitarre dal mondo ci presenta ancora una volta la fusione musicale e artistica tra esponenti di rilievo della chitarra acustica sulla scena internazionale.

Beppe Gambetta, chitarrista genovese, ripercorre uno dei suoi innumerevoli viaggi che lo hanno portato ad incontrare colleghi, ma soprattutto amici e collaboratori, in Italia e oltre Oceano, attraverso il dialogo e la comunicazione a "6 corde" con l' americano Steve Kaufman e l' italiano Franco Morone. Steve, nato a New York ma residente in Tennesse, è vincitore per ben tre volte del prestigioso National Flatpicking Championship che si svolge ogni anno a Winfield, Kansas. La sua musica spazia dal bluegrass allo swing, dai fiddle tunes irlandesi e dei monti Appalachi ai classici del folk e del country senza tralasciare composizioni personali. E' considerato il più sincero continuatore della scuola del famoso chitarrista Doc Watson, da tutti riconosciuto come il padre dello stile flatpicking. L'incontro con Beppe, avvenuto circa 10 anni fa, ha suggellato una amicizia e una collaborazione basata sulla stima e sul rispetto reciproco: sentirli suonare e cantare insieme (per la prima volta in Italia!) stupisce e diverte per lo straordinario virtuosismo e l'ironia di entrambi.  Ma Beppe ha viaggiato molto anche nel nostro paese portando la sua Genova, il suo stile e le sue ricerche sui grandi musicisti del passato un po' ovunque e incontrando, tra gli altri, Franco Morone, chitarrista fingerstyle di grande sensibilità e forza interpretativa. Entrambi condividono la concezione secondo la quale la musica tradizionale, pur conservando le proprie radici, è in grado di evolversi e riproporsi sempre viva e attuale attraverso impressioni e linguaggi del nostro tempo. Franco esegue arrangiamenti tratti dalla musica popolare italiana e irlandese e sue composizioni dove confluiscono echi di tradizioni diverse. Durante il concerto gli artisti duetteranno e improvviseranno insieme dimostrando quell'unione e mancanza di confini e barriere che solo la musica può creare. Un evento da non perdere!